CONSEGNA GRATUITA IN TUTTA ITALIA PER ORDINI SUPERIORI A 40 € | SPEDIZIONE EXPRESS IN 24/48H (BASSA ITALIA E ISOLE 2/3 GIORNI LAVORATIVI)
single.php content-single.php

CBD e Sport, un alleato nell’allenamento giornaliero

CBD e Sport sono diventati dal 2018 alleati nell’allenamento giornaliero delle discipline sportive. La WADA (World Anti-Doping Agency) ha, infatti, rimosso dalle sostanze illegali il cannabinoide o CBD per qualsiasi tipologia di sport, mantenendo al contrario tra quelle proibite la cannabis.

Il CBD è uno degli oltre 100 fitocannabinoidi che si trova nella cannabis. Se isolato, ha molteplici proprietà benefiche tra cui: analgesica, antinfiammatoria e rilassante. Questa sua capacità di poter alleviare diverse tipologie di disturbi lo ha reso un valido alleato per l’allenamento giornaliero di chi pratica una disciplina sportiva. Nel nostro organismo è presente un Sistema Biologico anche noto come Sistema Endocannabinoide che reagisce con le molecole di CBD e permette di riequilibrare le normali funzioni del nostro corpo. Sempre più atleti si appellano al CBD per il suo utilizzo abituale proprio per i visibili benefici che il cannabinoide ha sul corpo umano.

Il Cannabidiolo nello Sport

L’Agenzia Mondiale Antidoping nel 2018 ha rimosso il CBD dalla tabella delle sostanze non autorizzate per lo Sport. Infatti il CBD è un prodotto naturale, un cannabinoide presente all’interno della pianta di cannabis che al contrario del THC non presenta nessun effetto psicotropo per il corpo umano. Non influisce sulle performance degli atleti e non, rimanendo 100% sicuro per l’organismo.

Durante un allenamento sportivo, agonistico o amatoriale, il corpo è sottoposto ad uno sforzo fisico notevole che può incappare in innumerevoli fastidi tra cui lesioni muscolari, dolori, o traumi. Il CBD può apportare notevoli benefici a questi problemi non soltanto a livello fisico ma anche a livello mentale. Soprattutto prima di una gara, dove la stanchezza mentale aumenta, il CBD ha un’azione protettiva del Sistema Nervoso Centrale, allevia l’ansia e lo stress e aiuta a migliorare il sonno. Inoltre, prima e durante una gara, il cannabidiolo accelera la guarigione, riduce la stanchezza e migliora il sistema muscolare, alleviando la sensazione di dolore e potenziando le capacità di sforzo fisico.

Il CBD è in grado di ridurre il funzionamento di alcuni marker del dolore e dell’infiammazione come le citochine, responsabili della comunicazione del sistema immunitario, i radicali liberi e la formazione di edemi. Inoltre il cannabidiolo regola la produzione di agenti pro-infiammatori riuscendo ad interagire nella percezione del dolore. Assumendo CBD, si riesce a ridurre l’indolenzimento muscolare, l’impulso doloroso causato da uno stimolo o un urto e la sensibilità al dolore soprattutto quello cronico.

Atleti che utilizzano il CBD

Il CBD e lo Sport sono una combinazioni vincente e gli atleti che utilizzano il cannabidiolo possono solo beneficiare delle sue capacità salutari: analgesica, antinfiammatoria e palliativa in caso di dermatiti e problemi cutanei. Anche diversi atleti di fama mondiale utilizzano il CBD per migliorare le loro prestazioni durante gare e tornei e nelle fasi di preparazione quotidiana.

Alcuni personaggi noti nell’ambito sportivo sono: Usain Bolt, l’atleta più veloce del pianeta con 8 titoli olimpici, Michael Phelps, otto volte campione olimpico di nuoto ma anche Eugene Monroe, giocatore della NFL Baltimore Ravens e Aritz Aramburu, Surfista professionista spagnolo Campione d’Europa.

Questi sportivi, che usano abitualmente il CBD, hanno compreso le infinite capacità benefiche del cannabidiolo e ne hanno verificato l’efficacia personalmente nella loro routine quotidiana. Sono un modello per chi si approccia al mondo sportivo e per chi tiene all’utilizzo di prodotti naturali come il CBD.

Le informazioni sanitarie pubblicate su questa pagina sono esclusivamente a titolo informativo e formativo generale, e non sostituiscono la consulenza medica professionale. Pertanto, prima di intraprendere qualsiasi azione sulla base di queste informazioni, vi invitiamo a consultare un medico o un altro operatore sanitario. Non forniamo alcun consiglio di salute.