single.php content-single.php

Olio di CBD: effetti principali sulla salute delle persone

Per anni la ricerca scientifica si è interrogata sull’olio di CBD e sugli effetti principali sulla salute delle persone. Oggi le indagini continuano ad andare avanti e anche le opinioni a riguardo sono nettamente cambiate, il CBD è stato oggetto di molte ricerche per via delle sue proprietà trasversali, le varie applicazioni mediche e i diversi effetti terapeutici.

L’olio di CBD è una sostanza preziosa che può essere usata per trattare una serie di condizioni di salute. Sebbene questo articolo sia lontano da un elenco esaustivo, mette in evidenza alcuni dei modi in cui il CBD può potenzialmente portare benefici alla salute.

1. Sollievo dal dolore

Uno dei benefici per la salute più celebrati dell’olio di CBD è il suo effetto analgesico (antidolorifico). Questo presuppone che il CBD interagisca con i recettori del cervello e del sistema immunitario per ridurre l’infiammazione e alleviare il dolore. Diversi studi di settore hanno scoperto che il CBD riduce l’infiammazione oltre ad offrire sollievo dal dolore senza indurre effetti collaterali nei pazienti. Il nostro corpo è regolato da una complessa rete di messaggeri e recettori che regolano quasi ogni funzione essenziale. Questa rete di comunicazione è chiamata  sistema endocannabinoide. Idealmente, il sistema produce tanti messaggeri che vanno a interagire con i recettori per non avere ostacoli nel sistema di comunicazione.

2. Olio di CBD effetti antiemetici: nausea e vomito

Ricerche precliniche indicano che i cannabinioidi, incluso il CBD, possono essere efficaci per il trattamento sia della nausea che del vomito prodotti dalla chemioterapia o da altri trattamenti terapeutici. Il CBD interagisce con i recettori che rilasciano la serotonina, se somministrato in dosi relativamente basse ha dimostrato di contribuire ad alleviare sia la nausea che il vomito. Il CBD può anche essere efficace nell’alleviare l’ansia e può aiutare concretamente le persone a gestire l’angoscia della nausea cronica.

Uno studio pubblicato nel 2012 sulla rivista British Journal of Pharmacology, conferma che il CBD ha efficaci proprietà antiemetiche sui ratti.

Gli oli con CBD possono facilmente ridurre questo disturbo, trattando efficacemente i sintomi di rigetto. Facilmente digeribili, gli oli non contengono componenti chimici e non sprigionano i sapori sgradevoli dei normali farmaci antiemetici, ricchi di antiacidi e bismuto.

3. Combattere l’ansia

Mentre il CBD è più comunemente usato per i sintomi fisiologici, un crescente team di ricerca indica che può essere utilizzato anche nelle terapie per condizioni di salute mentale, compresa l’ansia. Uno studio dell’Università di San Paolo ha infatti rilevato che il CBD riduce significativamente l’ansia soggettiva, portando i ricercatori a concludere che il CBD riduce l’ansia e che questo è correlato ai suoi effetti sull’attività del cervello del sistema limbico e del sistema paralimbico.

4. Riduce l’acne

L’acne è una condizione della pelle comune che colpisce molte persone soprattutto nell’età pre-adulta. L’acne è causato da una serie di fattori, tra cui la genetica, i batteri, l’infiammazione sottostante e la sovrapproduzione di sebo, una secrezione oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee della pelle. Sulla base di recenti studi scientifici, l’olio di CBD può avere effetti benefici sull’acne a causa delle sue qualità antinfiammatorie e della sua capacità di controllare la sovrapproduzione di sebo dalle ghiandole sebacee.

Uno studio in provetta ha rilevato che l’olio di CBD ha impedito alle cellule della ghiandola sebacea di secernere il sebo eccessivo impedendo l’attivazione di agenti “pro-acne” come le citochine infiammatorie.

Sebbene questi risultati siano promettenti, sono necessari studi approfonditi sull’uomo che esplorano gli effetti del CBD sulla salute e sulle patologie più comuni.