Vaporizzare vs fumare: perché sono due cose diverse

 In Vaporizzatori CBD

Vaporizzare e fumare sono due pratiche completamente diverse, anche se apparentemente non sembrerebbe.

La differenza sostanziale è che con la vaporizzazione vengono meno i danni prodotti dalla combustione, contrariamente ai metodi di fumata tradizionale, in cui il fumo è inalato nei polmoni e poi assorbito dall’organismo.

Che si tratti di tabacco o di cannabinoidi, introdurre nei polmoni il fumo prodotto dalla combustione comporta l’inalazione di sostanze cancerogene, nonché seri problemi al sistema respiratorio, riscontrabili anche nell’immediato o nel breve periodo (come ad esempio, il senso di affaticamento dopo aver salito velocemente una rampa di scale o la classica “tosse del fumatore” che può necessitare anche diversi mesi per essere debellata del tutto).

Il principale vantaggio (ma non l’unico!) del vaporizzare rispetto al fumare è proprio evitare di incorrere in problemi di questo tipo.

Se si tratta di vaporizzatori per tabacco ed erbe secche o di quelli che necessitano ricariche liquide, tutti i vaporizzatori sono dotati di un dispositivo che porta le sostanze al punto di riscaldamento necessario per il rilascio delle sostanze attive sotto forma di vapore.

La temperatura di vaporizzazione non raggiunge mai il livello di combustione, evitando così il rilascio dei composti tossici derivati dalla combustione.

Vaporizzatore di CBD: cos’è e perché utilizzarlo

Se si parla di CBD, vaporizzare ha dei vantaggi ulteriori. Diversi studi continuano a dimostrare che l’inalazione sia il modo più efficace di assimilare il principio attivo e tutti i suoi benefici.

Mediante la vaporizzazione, infatti, è possibile beneficiare degli effetti del CBD già dopo le prime boccate, in maniera immediata rispetto all’assunzione edibile o sublinguale e, soprattutto, sottraendosi ai rischi del fumo.

Munendosi di un vaporizzatore portatile è dunque possibile avere sempre la propria fonte di relax a portata di mano.

Il vaporizzatore altro non è che un dispositivo in grado di generare calore andando a surriscaldare il liquido presente all’interno, e dunque vaporizzandolo.

Per quanto banale, è importante ricordare che non si possono vaporizzare gli oli di CBD a base di olio di oliva prodotti per l’assunzione orale, sublinguale o edibile. All’interno del vaporizzatore vanno inseriti sempre e solo gli appositi liquidi a base di CBD, destinati per l’appunto allo svapo.

Quando smettere di fumare sigarette è necessario: perché scegliere un vaporizzatore CBD

Ci sono casi in cui smettere di fumare sigarette non è una scelta ma una vera e propria necessità, come nel caso di problemi respiratori o circolatori più o meno gravi.

Il problema, specialmente dopo aver fumato per molti anni, è che smettere di fumare sigarette conduce ad una vera e propria sindrome d’astinenza da nicotina che si manifesta sotto forma di irritabilità, ansia, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno durante la notte e sonnolenza durante il giorno.

I primi sintomi d’astinenza possono manifestarsi già a distanza di qualche ora dall’ultima sigaretta fumata e influire negativamente in vari ambiti della vita quotidiana, dal rendimento sul lavoro alle relazioni interpersonali.

In questi casi munirsi di un vaporizzatore CBD può essere una mossa vincente: gli effetti rilassanti, infatti, svolgono un’azione decisiva andando a calmare il senso di nervosismo del fumatore che soffre la mancanza di nicotina, nonché garantire una qualità del sonno nettamente superiore, specialmente durante i primi giorni.

Inoltre, nei momenti più duri, il vaporizzatore portatile può diventare un perfetto surrogato della sigaretta, eliminando tutti i danni del fumo, ma conservandone la gestualità e il rituale e dunque rendendo questa transizione meno traumatica.

Palm: molto più di un semplice vaporizzatore

Una volta presa la decisione di provare il vaporizzatore, il primo passo è trovare quello giusto per te, nonché un cartridge che soddisfi i tuoi gusti.

Per chi ha sempre delle giornate piene, è costantemente in movimento, e a volte anche molto stressato, Palm potrebbe rivelarsi la scelta ideale.

Palm è un accessorio discreto ed elegante, che si distingue da tutti gli altri vaporizzatori sul mercato per l’equilibrio unico tra design e funzionalità: grazie alle sue dimensioni ridotte, s’infila comodamente in ogni tasca, ma è al contempo dotato di una batteria da 550 mAh in grado di fornire il 25% in più di volume rispetto ad altre tipologie di vaporizzatore o alle normali sigarette elettroniche.

All’interno del kit completo, oltre ai 4 colori del Palm, è possibile scegliere anche tra 4 gusti delle migliori genetiche presenti sul mercato internazionale. Le ricariche contengono 500 mg di cristalli di CBD disciolti in C8 MCT oil, vitamine e terpeni naturali. Tutti i liquidi da vaporizzare, oltre a garantirci il nostro momento di relax quotidiano, lasciano un sapore delicato e piacevole in bocca e nessun odore sgradevole sulle mani o sugli abiti.

Dunque, se si è abituati a sostenere dei ritmi accelerati e a sfogare sulla sigaretta tutto lo stress accumulato, Palm può diventare una piccola valvola di sfogo da portare sempre con sé e tirare fuori all’occorrenza, per distendersi, assaporare un momento di relax e ripartire.

Recent Posts
0
vaporizzatori cbdcurare-la-psoriasi-in-modo-naturale